Tavolo di Confronto sul Piano Operativo per l’Accessibilità

Si è svolto l’11 luglio scorso presso l’Assessorato Regionale dei Trasporti a Palermo, il Tavolo di Confronto tra le Associazioni dei consumatori, dei passeggeri e delle persone con disabilità e a ridotta mobilità, da una parte, e le istituzioni regionali, Trenitalia e RFI, dall’altra.

L’ordine del giorno prevedeva una discussione sulla Bozza del Piano Operativo per l’Accessibilità – Misura 13 del Contratto di Servizio di Trenitalia con la Regione Sicilia nonché eventuali richieste e suggerimenti.

L’Ing. Di Miceli – Responsabile Servizio 2 della Regione Siciliana – così dicendo indicava gli obiettivi prefissati dalle autorità regionali, in accordo con Trenitalia e RFI: Essi sono: 1) miglioramento del trasporto ferroviario con la migliore ottimizzazione possibile 2) miglioramento dell’industria del trasporto ferroviario.

La parola cardine di questo incontro è stata “Accessibilità ai mezzi e alle infrastrutture”. L’accessibilità del trasporto ferroviario si realizza quando l’intera esperienza di viaggio delle persone con disabilità o mobilità ridotta viene resa pienamente fruibile. Pertanto il termine coinvolge non solo le stazioni e il materiale rotabile ma anche l’informazione, l’acquisto e il post vendita del servizio. Rilevanti sono stati gli interventi strutturali posti in essere da Trenitalia e RFI sulle stazioni e sui treni per agevolare il movimento delle PRM e per rispettare le loro esigenze.  Interessanti sono i progetti del servizio “Easy Station”, che prevede un netto miglioramento delle stazioni presenti a livello di accessibilità, un implemento delle informazioni e una ponderata riqualificazione del decoro dell’ambiente circostante la stazione; nonché il servizio delle Sale Blu.

In particolare, tale servizio, disponibile tutti i giorni, inclusi i festivi, dalle ore 6,45 alle ore 21,30, è dedicato non solo alle persone con disabilità o con difficoltà motoria, ma anche ad anziani e donne in stato di gravidanza. L’assistenza, completamente gratuita e garantita da personale preparato, deve essere prenotata con anticipo temporale pari a 48 ore prima secondo la normativa comunitaria ma in Italia la tempistica è stata fortemente ridotta (1 ora a Messina e a Palermo Centrale e 12 ore nelle altri stazioni quali Punta Raisi).

Dall’incontro si evince l’impegno assunto da RFI e Trenitalia di eliminare ogni difficoltà e di rendere accessibile al 100% tutti i treni e le stazioni entro il prossimo 2021 (ad oggi solo 51% dei treni e 160/165 stazioni sono a norma) nonché di implementare il numero delle Sale Blu. Sulla stessa linea, la Regione Sicilia, tramite investimenti statali ed europei, ha predisposto l’acquisto di nuovo materiale ferroviario (43 nuovi convogli). Da parte loro, i rappresentanti delle Associazioni dei Consumatori presenti,hanno avanzato precise richieste e suggerimenti: quali difficoltà infrastrutturali e di accessibilità in alcune stazioni regionali; problematiche legate agli ascensori e scale mobili;  mancata comunicazione e informazione per il servizio “sostitutivo” in alcune stazioni; la mancata collaborazione di vari Comuni sul tema di accessibilità per/nelle stazioni ferroviarie, e,infine, la possibile re-introduzione di servizi igienici all’interno delle stazioni ferroviarie.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *