Aumentano i costi di prestiti e mutui

La Banca Centrale Europea ha deciso recentemente di innalzare i tassi di interesse di 0,75 punti base, nel tentativo di fermare la corsa dell’inflazione. Gli effetti principali si vedranno sulle rate di prestiti e finanziamenti, ma soprattutto su quelle più onerose dei mutui, che già hanno iniziato la loro corsa al rialzo.

Nel dettaglio, stipulando un mutuo a tasso fisso oggi, si avrebbe una rata più onerosa mediamente del 24% rispetto a quella di un mutuo a tasso fisso stipulato a dicembre 2021.   La situazione è peggiore per chi ha stipulato un mutuo a tasso variabile poiché l’aumento incide direttamente sui pagamenti in corso; una rata, oggi, è pari a circa 1,7 volte il valore della rata di dicembre 2021.

In tal senso si chiede a Banca d’Italia di vigilare attentamente sull’andamento dei tassi applicati sui mutui, affinché non si aggiungano fenomeni speculativi da parte degli istituti di credito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *