Comunicato Stampa di Roberto Tascini, Presidente dell’ADOC

Famiglie in difficoltà per il caro energia e inflazione. Tascini (Adoc): “Necessari interventi strutturali. Basta con i bonus”

Presto iniziative congiunte con le altre associazioni

Roma 26 settembre 2022
“Insieme ad altre 15 associazioni dei consumatori e degli utenti (Adiconsum, Adusbef, Assoutenti, Casa del Consumatore, Cittadinanzattiva, Codacons, Codici, Confconsumatori, Ctcu, Federconsumatori, Lega Consumatori, Mdc, Movimento Consumatori, Udicon, Utenti Tv) abbiamo fatto proposte e chiesto misure da adottare a quello che sarà il nuovo governo, contrastare l’aumento dei prezzi al consumo e frenare il caro-energia”. Lo ricorda Roberto Tascini, presidente dell’Adoc. “Ci prepariamo a iniziative per protestare in tutta Italia contro il caro-energia e l’emergenza prezzi, coinvolgendo anche sindacati e il mondo dell’agricoltura, dell’industria, dell’artigianato e del commercio”. È stata indetta, infatti, una grande assemblea pubblica aperta a tutte le forze sociali il prossimo 18 ottobre per condividere ragioni e modalità delle iniziative da attuare sul territorio e un pacchetto di misure da presentare al nuovo Governo. “Nei prossimi mesi – leggiamo nel documento delle 16 associazioni dei consumatori e degli utenti – milioni di famiglie dovranno fare i conti con gli aumenti delle bollette di luce e gas e con i prezzi dei generi alimentari in continua ascesa, rincarati in media del 10,5%, mentre moltissime piccole e medie imprese si trovano schiacciate da costi per l’approvvigionamento di materie prime e di energia divenuti insostenibili. Tutto ciò – ribadisce la nota – produce effetti a cascata molto negativi sull’economia e la società con la chiusura di migliaia di attività e licenziamenti per centinaia di migliaia di lavoratori, mentre l’Istat richiama l’attenzione sull’incombente rischio di povertà relativa per quasi un quarto della popolazione italiana”. “Le misure finora adottate si sono rivelate purtroppo insufficienti a fronteggiare una situazione che appare in peggioramento, e alcune evidenziano problemi di attuazione da correggere urgentemente, come la tassazione dei superprofitti delle imprese produttrici e fornitrici di beni energetici, mentre resta sullo sfondo il piano di emergenza energetica per il prossimo inverno, con ipotesi di razionamento del gas malgrado le direttive sul risparmio dei consumi”.

“Abbiamo bisogno – dichiara Roberto Tascini, Presidente dell’Adoc – di interventi strutturali e non di interventi tampone. Basta con la politica dei bonus che disperdono risorse molto spesso a pioggia. Cresce il numero delle famiglie in povertà energetica, che oramai sono più di 4 milioni. Occorrono interventi mirati e più efficaci – ribadisce Tascini – per le fasce più deboli della popolazione e a sostegno degli esercizi commerciali e delle imprese che rischiano di chiudere”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *